Elmar H. Supe

Il dottor Elmar Supe (morto nel 2003) è stato Direttore Accademico dell'Istituto di Scienze dell'Educazione dell'Università di Vechta per la Pedagogia Generale e la Pedagogia Sociale. In precedenza ha lavorato in banche, scuole e università e ha lavorato per 18 anni nei ministeri del governo della Bassa Sassonia come consulente per le dipendenze e le questioni relative alle droghe. Da molti anni si occupa della formazione degli assistenti dei tossicodipendenti della Guttempler-Bildungswerk. Egli ha sostenuto l'istituzione di consigli comunali di prevenzione e di "protezione ambientale interna".

Prendetevi il tempo per vedere e godere delle cose belle della vita.
Si parla spesso e molto di prevenzione, ma di solito solo quando è troppo tardi, quando i tossicodipendenti o i tossicodipendenti appesantiscono il loro ambiente o quando si lamentano reati gravi, come gli attacchi xenofobi. Poi la richiesta di prevenzione suona - soprattutto nei discorsi domenicali - che in realtà è troppo tardi.

Si formano spontaneamente "tavole rotonde", si pianificano progetti o si organizzano azioni e dimostrazioni. Non solo il "troppo tardi", ma anche le procedure specifiche, ad esempio contro la criminalità, la tossicodipendenza o la droga, sono problematiche. La promozione globale della salute e la prevenzione, che io chiamo protezione dell'ambiente interno, sono più necessarie delle azioni e dei progetti specifici.
Naturalmente, la prevenzione è necessaria. La domanda decisiva è: come prevenire nel modo più efficace possibile? L'amministrazione e i politici si chiedono giustamente: come possiamo rendere la prevenzione il più efficiente possibile in termini di costi? Quindi il COME è la domanda decisiva. In nessun caso i responsabili devono nascondere la testa sotto la sabbia.

Ma non solo la dipendenza e l'abuso di sostanze che creano dipendenza sono una sfida per la prevenzione, ma anche molti altri fenomeni che si influenzano a vicenda: violenza, ad esempio nelle scuole, nelle famiglie, contro gli stranieri, la criminalità, compresa la criminalità organizzata, l'abuso sessuale di cui le vittime soffrono per tutta la vita, disturbi alimentari come il binge eating e l'anoressia, la dipendenza da farmaci, le droghe illegali e il gioco d'azzardo, altre dipendenze non legate alle sostanze, il rischio suicida, l'abbandono e i culti degli adolescenti. Tutti questi problemi, nelle loro varie e abbaglianti forme, dovrebbero essere evitati, ma spesso solo quando qualcosa è diventato visibile al pubblico, ad esempio quando la droga o la violenza a scuola richiedono un intervento. Purtroppo c'è una reazione tardiva, anche eccessiva.

Spesso si organizzano "tavole rotonde" in cui, di norma, siedono le stesse persone, indipendentemente da quali comportamenti "dissociali", vale a dire comportamenti distaccati dalla società e dai suoi valori. Cercano le cause e le possibilità di prevenire o ridurre tali eventi negativi. Tutti i gruppi di lavoro giungono a risultati simili, poiché sia i fattori condizionali che le contromisure per tutte le forme di comportamento dissociale sono in gran parte identici.

Prevenire è apprendere, educare, responsabilizzare e incoraggiare la vita.
La strada della prevenzione delle dipendenze è in contrasto con questi principi. La vita è qualcosa di bello e positivo, non è dipendenza. A mio parere, i portoghesi chiamano giustamente la loro prevenzione "Projecto VIDA", cioè "progetto di vita".

La prevenzione delle dipendenze, largamente praticata nelle scuole, è spesso orientata negativamente, proprio nella dipendenza con le sue terribili conseguenze negative. Fornisce informazioni che non sono utili, spesso suscitano addirittura curiosità e sono quindi pericolose. La procedura è simile per altri sintomi. Si enfatizza il negativo, si presentano dettagliatamente dati e crimini e si impartisce una certa conoscenza delle droghe.

Tuttavia, sappiamo che l'informazione da sola non è preventiva. Piuttosto, si tratta anche di sentimenti, atteggiamenti, atteggiamenti, atteggiamenti e competenze, di ciò che Adolf Busemann aveva già dichiarato sobriamente nel 1931:
"Ogni essere umano ha bisogno di un minimo di contatto con la natura, di essere solo e compagnia, di gioia, rispetto, fiducia e successo, di proprietà, tempo libero e silenzio, nonché di elevazione al di sopra della vita quotidiana e del transitorio nella ripetizione ritmica.
L'informazione e la deterrenza non hanno effetto preventivo
Una marea di informazioni, per quanto grandi, non è sufficiente, anche se confezionate in modo ottimale e trasportate in opuscoli lucidi. Dobbiamo prevenire in modo diverso, con mezzi e metodi diversi.

Uno di questi nuovi concetti è la protezione del mondo interno. Vorrei sostituirla con la prevenzione delle dipendenze, la prevenzione delle tossicodipendenze e molte altre pratiche di prevenzione specifiche. La protezione ambientale interna è la promozione della salute e la prevenzione ai sensi dell'OMS. E' orientato alle cause, olistico, sociale o sistemico e soprattutto positivo.

Questa protezione interna del mondo non è orientata verso le droghe, le sostanze che creano dipendenza, la violenza e i dati, ma verso le persone, le loro capacità, competenze e talenti, e naturalmente anche le loro difficoltà e i loro problemi. Vuole rafforzare le forze immunitarie e trasmettere vitalità.

La protezione dell'ambiente interno è importante quanto la protezione dell'ambiente.
Dovrebbe avere la stessa priorità della protezione dell'ambiente! In concreto, ciò significa che la protezione del mondo interno, così come la protezione dell'ambiente, deve avere le proprie infrastrutture, le proprie risorse, le istituzioni e i dipendenti, cioè i rappresentanti e i responsabili.

La protezione dell'ambiente ci ha dimostrato che il ripensamento ha cambiato atteggiamenti e comportamenti che hanno ridotto l'inquinamento e il degrado ambientale. Allo stesso modo, sono possibili cambiamenti di atteggiamento e comportamento contro l'inquinamento e la distruzione degli ambienti interni.

Questo ripensamento radicale è necessario anche qui se in Germania non vogliamo ottenere condizioni americane. Ma è proprio così che stiamo andando, come dimostrano le statistiche e i rapporti della polizia sulla criminalità - sempre più spesso anche dalle scuole. Se teniamo conto del fatto che la maggior parte dei crimini non sono noti e non sono risolti, lo sviluppo è minaccioso.

Dai miei workshop su questo argomento, i partecipanti tornano a casa con questi pensieri: "Posso fare molto! Sono importante! Non sono impotente!". Ricevono anche una serie di suggerimenti concreti e di aiuto reciproco, come rafforzare positivamente, avere tempo, ascoltare, dare fiducia agli altri, far sentire il bambino che per me è prezioso, e pensare positivamente.

Tuttavia, i politici a tutti i livelli devono anche capire che è giunto il momento di fare di più per la prevenzione. Un'enorme quantità di denaro viene spesa per il trattamento dei sintomi, ad esempio malattia, disabilità, criminalità, troppo poco, ma viene investita nella prevenzione. Il disallineamento è di circa 99 a 1.

Le cause e i concetti di prevenzione sono intercambiabili
Sia le cause che i concetti di prevenzione dei diversi sintomi sono intercambiabili, come si può facilmente vedere in studi comparativi. Per questo motivo, è più efficace combinare le specifiche attività di prevenzione per far sì che abbiano un effetto più forte ed efficace, per pianificarle a lungo termine e per svolgerle in modo continuo e coerente. Il raggruppamento delle misure preventive ha senso perché le singole attività svaniscono rapidamente e i risultati non si traducono in misure, soprattutto se non c'è più pressione attuale. Poi, a parte parlare, non è successo quasi nulla.
Inoltre, le risorse per la prevenzione sono comunque molto modeste e spesso molto limitate nel tempo. Una prevenzione attenta, competente, tempestiva e continuativa è rara e rimane frammentaria per i motivi citati. In una perizia del Centro federale per l'educazione sanitaria, l'Istituto per la ricerca terapeutica di Monaco di Baviera descrive la situazione della prevenzione in Germania come desolata - e a ragione.

Gli sforzi di prevenzione specifici portano spesso a uno scontro di competenze, che spesso si traduce in una giustapposizione o addirittura in un conflitto. L'impressione è che alcuni leader e istituzioni vedono se stessi, i loro interessi, la loro immagine, le loro risorse piuttosto che il grande compito comune della prevenzione.

Concentriamoci sul significato della vita e dei valori invece che sulla dipendenza o sulla violenza.
Inoltre, si concentrano quasi esclusivamente sui loro sintomi "propri", come la dipendenza o il crimine, invece che su alternative positive come la ricerca del significato e l'orientamento al valore. In questo senso, le superfici d'attrito possono essere notevolmente ridotte e quindi i dipendenti e le risorse possono essere utilizzate in modo più efficace quando si migliorano la cooperazione, il coordinamento e la prevenzione olistica.
Che cosa significa concretamente?
1. la prevenzione specifica non è possibile, poiché la prevenzione come parte dell'educazione diventa sempre più efficace contro il distruttivo.
2. la prevenzione specifica, ad esempio la prevenzione della droga e gruppi di lavoro specifici, può essere completamente superata.
3) La specificità delle singole strategie di prevenzione è integrata dalle istituzioni e dai gruppi di lavoro in un approccio olistico alla promozione della salute e alla prevenzione in accordo con l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Il suo scopo è quello di creare ambienti di vita sani, sviluppare competenze personali e attività di rete.
4. nelle scuole, nelle imprese e nelle comunità si formano gruppi di lavoro per prevenire ogni forma di comportamento dissociale orientato alle cause e alla società.

Così, quando i gruppi di lavoro sviluppano e implementano concetti che migliorano le condizioni strutturali e le circostanze personali, rafforzano i bambini e i giovani, i genitori, le famiglie e gli insegnanti, forniscono orientamenti con buoni esempi e chiari confini, rendono possibile imparare la vita nelle relazioni e negli spazi liberi, che trasmettono una varietà di competenze di azione, la risoluzione dei conflitti e le strategie di gestione delle crisi, allora questo è efficace contro molti tipi di comportamento dissociale, come viene mostrato ovunque dove il lavoro viene fatto in questo modo nella pratica. In questo modo, le modeste risorse e le forze disponibili verrebbero messe in comune. Questo li rende più efficaci e più disponibili a lungo termine - un prerequisito indispensabile per una pianificazione professionale e un lavoro continuo. Sappiamo dai programmi su larga scala che spesso non raggiungono la base, che sono specifici, spesso a causa di incidenti attuali, e che finiscono troppo presto.

mettere le persone in grado di risolvere i loro problemi e conflitti in modo costruttivo
I nostri insegnanti non sono preparati per i molti studenti, i problemi e le sfide che devono affrontare a scuola oggi e domani. Ciò vale in particolare per la violenza e la droga. La formazione da sola non basta, ma è anche inadeguata. Se vuoi superare l'impotenza e i sentimenti di impotenza, devi gettare le basi già durante la formazione e implementare e continuare un programma in modo coerente e continuo!

Anche i genitori non sono sufficientemente attrezzati per il loro importante compito. I media riportano quotidianamente sui conflitti tra partner, le controversie coniugali e le tragedie familiari. Abuso, alcool, droghe, violenza e criminalità si giocano spesso gli uni contro gli altri.

Ciò è dovuto non solo all'inadeguata preparazione alla vita, ma anche alla mancanza di capacità di comunicazione e di risoluzione dei conflitti. Queste tragedie, che si verificano quotidianamente in diverse sfaccettature - di solito soprattutto bambini e donne soffrono come se fossero martiridi per lungo tempo - sono per me la motivazione decisiva per lavorare personalmente in questo campo. I cittadini - compresi gli insegnanti - sono entusiasti della promozione della salute e della prevenzione perché può ridurre le paure e le preoccupazioni, gli infortuni, le difficoltà e la morte.

L'obiettivo finale è quello di consentire alle persone di risolvere i loro problemi e conflitti in modo costruttivo, non di fuggire verso l'abuso, la droga, l'alcool, la violenza e la criminalità, ma di plasmare la propria vita in modo responsabile e positivo.

I fondi per il trattamento dei sintomi rispetto alla prevenzione sono in un rapporto di 99:1
I politici devono anche riconoscere che il servizio a parole non fa nulla e che la sicurezza interna non può essere raggiunta attraverso leggi più severe e un aumento delle sole forze di polizia. Le conseguenze di salvare qui nel posto sbagliato dovranno presto essere pagate a caro prezzo. Una protezione efficace del mondo interiore deve iniziare nelle famiglie, negli asili e nelle scuole, anche nei giovani e nei gruppi sportivi: perché i comportamenti dissociali nascono nel processo sociale e possono essere evitati solo lì.

Ma il nocciolo della questione rimane quello che noi stessi, quello che ognuno di noi può fare per un'efficace protezione del mondo interiore. Sette suggerimenti:
1. Una preoccupazione fondamentale è quella di rendere forti i bambini, i giovani e gli adulti, perché la causa principale del comportamento dissociale è sempre la debolezza. L'obiettivo è quello di scoprire e promuovere i talenti, rafforzare l'autostima e la resilienza attraverso l'auto-attività, la partecipazione, la mediazione del successo o la costruzione di una relazione.
2. non ci sono in nessun caso solo sviluppi negativi. Sono solo segnalati. Se diamo un'occhiata più da vicino, mettiamo su "occhiali positivi", scopriamo sorprendentemente molte cose buone
L'obiettivo è quello di promuovere sviluppi positivi e di ispirare, comunicare e incoraggiare il successo con buoni esempi e comportamenti esemplari. Molte persone, privati e rappresentanti delle istituzioni possono parteciparvi.
3. Se vogliamo prevenire la domanda di sostanze che creano dipendenza, dobbiamo offrire ai giovani in particolare alternative attraenti ed equivalenti, realistiche, avventurose e orientate all'esperienza. Questo viene sperimentato, ad esempio, nelle amicizie, nell'impegno sociale, ecclesiale o politico, nelle imprese comuni in molti settori quali sport, giochi, danza, musica, teatro, cultura, arte, natura, escursioni, animali, lingue, tecnologia, scienze o paesi stranieri. Ciò vale anche per gli adulti
In questo caso risulta chiaro che la promozione della salute deve adottare un approccio globale della società. Non deve essere una questione che riguarda solo le scuole, i servizi sociali per i giovani e gli esperti, ma è compito e opportunità di tutti.
Apertura, credibilità e apprezzamento creano una buona atmosfera e la base per un ambiente in cui tutti si sentono a proprio agio.

Offrire alternative interessanti alla domanda di droghe che creano dipendenza
4. Le conoscenze e i buoni concetti esistenti devono essere presto implementati. Ad esempio, nel 1990 la Commissione federale per la violenza del governo federale ha avanzato proposte per prevenire la violenza: nessuna reazione eccessiva da parte dello Stato, rafforzamento della consapevolezza giuridica, i criminali non devono imparare dal "successo", rafforzamento della capacità delle famiglie e delle scuole di educare, riduzione di paure e fallimenti, rafforzamento del lavoro giovanile, educazione legale e pedagogia familiare, aiuto al posto della punizione, formazione di genitori e insegnanti, riduzione della rappresentazione della violenza nei media. Ciò significa anche che tutti gli sforzi di prevenzione sono integrati in concetti generali e tutto ciò che si è rivelato inadatto viene eliminato: Azioni una tantum, 'flash in the pan', informazioni e progetti da soli. La dissuasione, il pessimismo e l'esclusione incoraggiano sviluppi sbagliati.
5. Se una valutazione d'impatto ambientale è in atto da diversi anni, è logico che per tutte le decisioni politiche importanti si dovrebbe effettuare anche una valutazione d'impatto ambientale interna che tenga conto dei legittimi interessi della sicurezza e della salute, in particolare dei bambini, dei giovani, delle famiglie e degli anziani.
Qui diventa chiaro che, oltre alle autorità giovanili, sociali e sanitarie, la polizia ha anche ottime opportunità in un "consiglio preventivo comunale" di svolgere un ruolo attivo in una fase iniziale, invece di limitarsi a risolvere i crimini e assicurare i criminali in modo reattivo.

Il suo cuore è la domanda: "Come ci trattiamo a vicenda?"
6. Sappiamo che nelle crisi, nei problemi e nei conflitti non dobbiamo vedere solo cose negative, non solo disperazione.
Piuttosto, trasmettono un senso della vita e opportunità positive che aprono prospettive completamente nuove. Ciò che qui è importante è la sensibilità, la comprensione, la compostezza, la gioia, la fiducia, ma soprattutto un atteggiamento positivo di attesa e cura.
7.Infine, ma non da ultimo, è importante che gli adulti evitino di commettere errori grossolani e stabiliscano le giuste priorità. Il nocciolo della questione: "Come ci trattiamo a vicenda?" Etica, sistema di valori, credibilità e comportamenti esemplari sono richiesti.
Solo posizioni chiare e inequivocabili possono essere d'aiuto. Questo significa nessun "laisser-faire", nessun "diritto all'ebbrezza", nessuna "tattica del salame" verso il rilascio, ma un coerente e inconfondibile NO alla droga e alla violenza!
La protezione del mondo interno significa anche un SI' illimitato in parole e azioni alla vita, alla dignità umana, all'apprezzamento e al futuro e quindi ad una maggiore sicurezza, salute e benessere.