Brigitte Neumann

Ciao, ciao, ciao, ciao, ciao, ciao. Piccole onde pigre che schizzano sulla spiaggia. Il caldo di mezzogiorno scintilla sul paese e rende la gente pigra. Solo pochi si sono stabiliti qui davanti ai vecchi pescherecci. Dormono sotto il sole caldo o guardano verso il mare aperto. Nessun ombrellone offre protezione dal calore. La sabbia si insinua in tutti i pori. Anche il vecchio pescatore è seduto nella sabbia, più indietro. Nessuno gli presta attenzione.

La sua schiena storta è appoggiata a una delle barche esposte agli agenti atmosferici. Un cappello indossato con un'ampia tesa lo protegge dal sole cocente. Ha piegato le gambe e si dipinge piccoli cerchi nella sabbia calda con l'alluce. Fino a poco tempo fa, andava in mare ogni notte per pescare. Conosce i posti migliori per prenderli. Suo padre gliel'ha mostrato e lo sapeva da suo padre. Tutta la sua vita ruotava intorno al mare, al vento, alle onde e ai pesci. Si raddrizza un po', lascia vagare gli occhi, dipinge forme angolari nella sabbia con le dita nodose e le sfuma di nuovo. Suo figlio non è un pescatore. Già da bambino preferiva aiutare la madre nel piccolo pub del villaggio, là dietro, sulla roccia di sabbia rossa e frastagliata.

Albufeira, una volta piccola città nell'Algarve roccioso, sta crescendo e crescendo. Da anni, da sei a otto piani di castelli di cemento spariti dal terreno, uno dopo l'altro. Semplici, semplici, semplici, bianche, funzionali e sobrie, fanno da cornice al centro storico. Sono dormitori per gli ospiti affamati di sole che hanno cambiato la vita della città e della sua gente nel lungo periodo. Sempre più persone vengono ogni estate.

Il piccolo pub è ora un buon pub di strada nel centro storico della città vecchia e il Cataplana nel menu è stato a lungo un noto suggerimento degli addetti ai lavori. Questo stufato è preparato secondo un'antica ricetta di famiglia, con tante cipolle, pomodori maturati al sole, patate, salsicce abbondanti e pesce fresco, a volte anche con qualche crostaceo. Applicare nella pentola di rame ancora chiusa e aprire il coperchio solo sul tavolo. Il profumo speziato e di pesce risveglia tutti i sensi per un pasto abbondante.

Un giovane uomo si avvicina al vecchio pescatore con una pentola di rame. Due cucchiai sono nel taschino della sua camicia colorata. La sua carnagione scura, gli occhi vividi e il mento offuscato tradiscono il suo rapporto con il vecchio pescatore. "Nonno, ho qualcosa da mangiare", urla non appena pensa di essere a portata d'orecchio. Il vecchio si alza e gli saluta amichevolmente. Stende un panno nella sabbia. Il ragazzo mette la pentola in cima. "Vieni a sederti qui, ragazzo mio," lo invita il pescatore. Entrambi si siedono e si fermano un attimo prima che il vecchio alzi il coperchio. La tua deliziosa fragranza è in aumento. Insieme cuccheranno il Cataplana. "Usciamo di nuovo stasera?" chiede il ragazzo. Il vecchio annuisce. Si siedono in silenzio mentre mangiano e guardano verso il mare. Chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug chug. La distesa infinita del profondo mare blu richiama allettante come lo è stato fin dai tempi eterni.